Un messaggio che trascende lo spazio ed il tempo : il Voyager Golden Record

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on telegram
Telegram
Questo è un regalo di un piccolo e distante pianeta, un frammento dei nostri suoni , della nostra scienza, delle nostre immagini, della nostra musica , dei nostri pensieri e sentimenti. Stiamo cercando di sopravvivere ai nostri tempi , cosi da poter vivere fino ai vostri.Jimmy Carter

Quarantatre anni fa partiva la sonda automatica Voyager 1 , lei sta viaggiando ancora, infaticabile , sola . Da pochi anni , finalmente , fuori dal nostro sistema solare , ufficialmente nello spazio  interstellare. In questi anni ha percorso più di  22 miliardi di chilometri. Su quella sonda , fatta di freddo metallo e circuiti , è saldato in modo indelebile un messaggio di speranza da tutta l’umanità : il Voyager Golden Record.

Un disco , si , ma con dentro un affascinante riassunto di tutta l’umanità.

 

La Terra fotografata dalla Voyager 1
La Terra fotografata dalla Voyager 1
Guardate di nuovo quel puntino. Quello è qui . Quello è casa. Quello siamo noi. Ogni santo ed ogni peccatore nella storia della nostra specie ha vissuto lì – su un granello di polvere sospeso in un raggio di soleCarl Sagan

 

L’involucro è placcato con uranio-238, un isotopo radioattivo dell’uranio che decade in 4,5  miliardi di anni. In tal modo , chiunque abbia le conoscenze necessarie per analizzarlo , può scoprire l’età del disco e quindi della sonda.

 

Sul retro sono incise istruzioni  in linguaggio universale per leggere il disco ed una mappa di quasar per triangolare la posizione del Sistema Solare . Nel disco ci sono immagini, video e suoni della Terra: vagiti e risate, panorami e fenomeni atmosferici, saluti in 55 lingue, brani musicali e il discorso di Jimmy Carter , 39º presidente degli Stati Uniti d’America dal 1977 al 1981.

CONTENUTO

Audio

Golden Record: Sounds of Earth

Immagini

Valerio Tammariello

Valerio Tammariello

Laureato in Ingegneria Elettronica con una tesi sperimentale su Biosensori Plasmonici , specializzando in Nanotecnologie presso l'Università La Sapienza di Roma. Da sempre appassionato di Matematica, Fisica e Scienza in generale.

Ultimi

In primo piano